Ounas non ha fretta e giura "Resto qui e lavoro duro"

Blog sportivo

Gli sport / Blog sportivo 113 Views 0

Idee chiare, espresse per la prima volta da quando è a Napoli tramite una intervista ai microfoni di El Heddaf TV. Adam Ounas, prima alternativa offensiva per Sarri in attesa del recupero di Milik e dell'arrivo di Verdi, ha raccontato la sua avventura azzurra ed espresso un desiderio ben preciso per il futuro: “Direi che ho avuto un buon inizio a Napoli, anche perché Sarri mi aveva avvisato per tempo a proposito del minutaggio. Mi disse che avrei fatto qualche piccola apparizione e penso che le cose stiano andando bene, visto che ho già raccolto due presenze da titolare. Ora tocca a me lavorare duro ogni giorno in allenamento per cercare di guadagnare sempre più minuti e scalare posizioni. Non sono per niente impaziente: ho 21 anni e sono consapevole dei margini di miglioramento che ho. Devo migliorare dal punto di vista tattico, specialmente nella fase difensiva. Come l'allenatore mi ha sempre detto, il talento o ce l'abbiamo o non ce l'abbiamo e quindi quello che mi manca è lavorare bene per imparare velocemente”.

Calciomarket, Inter e Napoli: dove vanno Verdi e Deulofeu?

CHAMPIONS — Ounas è partito dal by way of solo in Coppa Italia ma non dispera di avere maggiore spazio con il passare del tempo e poi si è già tolto qualche soddisfazione: “Quando arrivi in un grande membership come il Napoli hai bisogno di punti di riferimento per orientarti e per ambientarti, in questo mi hanno aiutato tantissimo Ghoulam e Koulibaly: sono come due fratelli maggiori. Sono sempre stati al mio fianco a darmi consigli e voglio ringraziarli. Sono fiero di aver esordito in Champions League, mi ha entusiasmato l'inno e poi ho fatto alcune apparizioni provando a mettere in atto ciò che Sarri mi ha chiesto di fare e cercando di cambiare le partite con degli help o dei gol”.

MERCATO — Ounas è ancora a secco di gol ma non ha perso la fiducia. Anzi, vuole restare a Napoli e giocarsi le sue carte: "Sarri si fida di me e finché qualcuno verrà a dirmi che verrò ceduto in prestito a gennaio, io resto. Sono qui per imparare e provare a guadagnare minuti, voglio crescere grazie al lavoro che faccio insieme al mister”.

 

© riproduzione riservata

Comments