Inter, si stringe per Rafinha Ma non gioca da aprile...

Blog sportivo

Gli sport / Blog sportivo 253 Views 0

Dalla lista dei giocatori seguiti e proposti, l'Inter inizia a fare la cernita che potrebbe portare alla soluzione ideale. Ieri ha fatto un passo avanti quello di Rafinha del Barcellona, fratello di Thiago Alcantara (Bayern Monaco) e figlio di Mazinho (campione del Mondo a Usa '94 con il Brasile ed ex di Lecce e Fiorentina). A Barcellona è andato in scena l'incontro tra le parti per capire la disponibilità del membership advert aprire alla cessione in prestito.

Inter, Icardi canta "Despacito": poi fa il sirenetto al sole

FIGLIO D'ARTE — Il brasiliano, con passaporto spagnolo, non gioca dal 2 aprile, quando a Granada si infortunò dopo pochi minuti lesionandosi il menisco mediale del ginocchio destro. Da lì in poi non ha più visto il campo e da circa 45 giorni ha ripreso advert allenarsi regolarmente. L'Inter ha fatto arrivare il suo interesse al Barcellona dopo che il giocatore le period stato prospettato in una riunione milanese la settimana scorsa. Riunione alla quale erano presenti sia il d.s. Piero Ausilio sia il coordinatore tecnico di Suning Walter Sabatini. E con il secondo a Nanchino in questi giorni per confrontarsi con il patron Jindong Zhang, è il direttore sportivo nerazzurro a tenere i contatti con Barcellona. L'Inter è disposta a prendere Rafinha in prestito gratuito con diritto di riscatto non ancora fissato e che probabilmente potrà essere variabile a seconda delle presenze. Su Rafinha, centrocampista offensivo, come hanno riferito ieri i media spagnoli, c'è anche il Celta. Il quale però si è sentito rispondere "no" dal giocatore stesso che ha già dato il suo benestare allo sbarco in Italia senza esitazioni. Tra oggi e domani è attesa una risposta definitiva da parte del Barcellona: con quella in tasca, l'operazione potrebbe chiudersi in breve tempo.

RAFINHA SCHEDA OK

il campione del mondo — Tra i giocatori offerti all'Inter va segnalato anche il nome di André Schürrle del Borussia Dortmund. Il tedesco, campione del Mondo nel 2014, quest'anno ha giocato poco. In tutto ha sommato eight presenze senza riuscire mai a segnare, anzi, sbagliando anche un rigore nella gara di campionato del 17 novembre a Stoccarda persa 2-1 dal Dortmund. Il contratto in scadenza nel 2021 potrebbe funzionare come leva per convincere il membership tedesco a lasciarlo partire in prestito per trovare la continuità di rendimento persa in stagione.

 

© riproduzione riservata

Comments